Tutto Ciò Che Serve Per La Gravidanza

Cosa succede se la scuola non è felice?

¿Y si no va contento al cole?

Gli insegnanti dicono che l'allergia a scuola (e non parliamo dei primi giorni) è una leggenda metropolitana ... almeno quando non ci sono ancora esami impegnativi da superare, teoremi difficili da risolvere o lunghi testi da memorizzare. A questa età, per la maggior parte dei bambini, la scuola è uno spazio per opportunità di vivere esperienze, fare amicizia e imparare - qualcosa che ancora amano - divertirsi. Per questo motivo, è normale vedere la scuola come un alleato piuttosto che un nemico . Quindi se dice che non vuole andare a scuola, è possibile che sia solo una sensazione passeggera.

Non è importante

Quando la routine scolastica viene interrotta da un'influenza o da un'altra malattia che lo ha tenuto a casa pieno di attenzioni, forse l'idea di andare a scuola è un po 'in salita. E le ragioni sono ovvie: ora dobbiamo svegliarci presto, recuperare alcune abitudini perse ...

Alcuni dei "trucchi" più usati dai bambini quando non vogliono andare a scuola senza un motivo convincente è quello di "sentire" improvvisi mal di testa o di stomaco. Il pediatra non troverà una spiegazione e probabilmente sparirà il giorno successivo. Altri bambini semplicemente preferiscono verbalizzare ( "Non voglio andare a lezione!"), Ma quando si tratta di un comportamento del passeggero, spesso dicono più di una volta. Non appena trascorrono dieci minuti in classe, dimenticano che un attimo fa volevano suonare a casa.

  • Come comportarsi: ricorda loro che la scuola è il posto dove si divertono così tanto, circondati da altri bambini quelli che imparano cose incredibili come leggere o aggiungere e sottrarre. Così si può calcolare quanti soldi avete nel vostro salvadanaio o sapere che cosa accade al protagonista delle sue storie preferite senza mamma o papà dovuto dirglielo. Ad ogni modo, quando non ci sono ragioni convincenti dietro il tuo rifiuto di andare in classe, non dare troppa importanza . Basta evitare di cedere al suo pianto e portarlo a scuola lo stesso. Molto probabilmente, quando è stato lì per un po ', ha cambiato idea. Ricorderai che è molto più divertente dipingere un sole blu su un murale gigante con i tuoi compagni di battaglia piuttosto che guardare la TV o giocare da solo nella tua stanza.

È importante

A volte, il tuo rifiuto di andare a scuola nasconde motivi di peso. E poi il mal di testa o l'intestino non saranno transitori. Possono anche essere reali anche se il medico esclude le malattie fisiche. "Quando un bambino somatizza la sua risposta e manifesta dolore, dopo aver valutato che non ci sono ragioni organiche, dobbiamo prestare attenzione ai suoi nervi e non solo al suo dolore intestinale. che vive con stress o ansia ", spiega l'educatrice Carmen Castelló. Cosa fare allora? Innanzitutto, assicurati di capire le ragioni delle tue paure.

E sebbene le ragioni siano molte, potrebbero essere riassunte in due: o ci sono situazioni a scuola che innescano il rifiuto (non possono essere integrate in classe, per esempio) o ragioni non hanno a che fare con la scuola ma usa il suo rifiuto di andare in classe come sveglia (a volte capita quando un fratello è appena nato ed è incomprensibile per lui che deve separarsi dai suoi genitori mentre suo fratello rimane a casa). Può anche accadere che ci sia una discrepanza tra quello che vedi a casa e quello che vedi a scuola (genitori poco esigenti e scuola molto flessibile il loro bambino in una scuola molto severa).

Quindi, i sintomi sono chiari: mancanza di interesse e malcontento per frequentare la scuola ogni giorno. Alcuni bambini apertamente e continuamente ; altri sono inclini alla somatizzazione (fa male allo stomaco, vomito colazione, diarrea ...) senza il medico osservanza di una qualsiasi causa che giustifica i sintomi. Un'altra possibilità è che non esprimono nulla apertamente, ma i genitori si rendono conto della loro mancanza di motivazione e tristezza quando arrivano il lunedì.

  • Come comportarsi: sebbene ogni causa richieda un'azione diversa, è sempre positivo parlare con l'insegnante. Così possiamo essere sicuri se questi sono problemi di integrazione (o bullismo , che dovrebbero essere prese con urgenza misure), se non ha nulla a che fare con cole ma piuttosto con quello che succede in casa o se il problema è un approccio educativo diverso è seguito e la scuola disorientare e crea insicurezza

consultivo. Carmen Castelló Tardajos, educatore, consigliere e direttore di Elea, Istituto Psychoeducational