Tutto Ciò Che Serve Per La Gravidanza

Vaccinazioni: cose che sono dette e non vere

Falsedades sobre las vacunas

"difterite, la pertosse, la poliomielite ... queste malattie scomparso anni fa, non è più necessario vaccino. " SBAGLIATO!

Queste malattie sono quasi scomparse nei paesi industrializzati perché i bambini sono vaccinati. Ma potrebbero tornare se smettessero di vaccinare. Ecco perché i governi stanno ancora spendendo soldi per i vaccini. Se potessero salvarli, sarebbero salvati. Nei paesi dell'Est, ad esempio, il tasso di vaccinazione è diminuito con la caduta del regime comunista. Nel 1993 ci fu un'epidemia di difterite in Russia, con 15.000 malati e 470 morti.

Ci sono molti vaccini, oltre a quelli del calendario ufficiale di vaccinazione. Non tutti sono amministrati, ma solo quelli più appropriati ai rischi di ciascun paese. In Spagna non ci vacciniamo per l'encefalite giapponese (ovviamente in Giappone). Il primo vaccino inventato fu quello del vaiolo. Si è dimostrato così efficace che la malattia è stata sradicata in tutto il mondo. Decenni di vaiolo non sono stati vaccinati in nessun paese del mondo da decenni, non è più necessario. Il vaiolo potrebbe essere sradicato perché colpisce solo l'essere umano e perché il virus non può essere tenuto in vita al di fuori di un individuo malato. Sfortunatamente, la maggior parte delle malattie non soddisfa questi requisiti; i microbi possono essere trasmessi dagli animali, o rimanere per anni sul terreno, e quindi non possono mai essere eliminati.

"È una manovra multinazionale per guadagnare denaro". ¡¡FALSE !!

in qualsiasi farmacia (figuriamoci in una farmacia) possono trovare centinaia di prodotti che non sono utili per migliorare la salute: creme e prodotti di bellezza, integratori alimentari, tonici e ricostituenti ... Siamo in grado di acquistarli se vogliamo, ma nessun governo al mondo che ci sta per dare.

UNICEF ha preparato un interessante documento, il "Riepilogo immunizzazione", che contiene, tra gli altri dati, il programma di immunizzazione e la percentuale di bambini vaccinati nei diversi paesi del mondo. Questo documento mostra che paesi come Cuba, la Corea del Nord o la Repubblica islamica dell'Iran hanno orari molto simili ai nostri e tassi di vaccinazione molto alti. Saranno anche al servizio di laboratori farmaceutici? A proposito, Cuba è un importante esportatore di vaccini, grazie all'eccellente lavoro scientifico dell'Istituto Finlay dell'Avana.

"I bambini non devono essere vaccinati". ¡FALSE !!

L'età della vaccinazione dipende dall'equilibrio tra due fattori. Se ottengono troppo presto, a volte non sono efficaci, perché il sistema immunitario del bambino continua a non rispondere (se non fosse stato per quel problema, tutti i vaccini alla nascita in ospedale, e sarebbe la materia risolto). Se vengono messi troppo tardi, il rischio che il bambino si ammali prima che la vaccinazione aumenti. Ecco perché i Paesi africani di solito mettere vaccini poco prima dell'arrivo degli europei, mentre il Nordic (con un sistema sanitario eccellente, per affrontare qualsiasi focolaio) è il lusso accettati per iniziare un mese più tardi e anche per mettere una dose inferiore alla serie di base ( difterite, tetano, pertosse e polio ). Ma, in generale, mese sopra o mese sotto, il calendario di vaccinazione di tutti i paesi del mondo è molto simile. Quando il rischio di infezione è più alto, è necessario far avanzare le vaccini.

Ritardare vaccini o mettere in anno (o due anni) significa esporre il bambino a rischio di infezione. e vaccini non sono "troppo forte" per i bambini così piccoli, e né "sovraccarico" del loro sistema immunitario o qualcosa del genere. In realtà, poche ore dopo la nascita, un bambino è già invaso da milioni di microbi di centinaia di specie diverse; i vaccini aggiungono solo qualche microbo in più e anche morti (o "mezzi morti", nel caso della tripla virale).

La maggior parte di quelli che si ammalano viene vaccinata. A VOLTE !!

Normalmente no. In epidemie di morbillo avvenute molto tempo fa nei Paesi Bassi e Barcellona, ​​ quasi tutti i soggetti colpiti erano non vaccinati . Ma in alcuni casi potrebbe accadere che una parte importante, compresa la maggior parte dei pazienti in un'epidemia, sia stata vaccinata. È molto facile usare quei dati come se fosse la "prova" che il vaccino è inutile, persino pericoloso. Ma i calcoli semplici mostrano che non è così, tutt'altro. Supponiamo che, in un certo paese, il 97% dei bambini sia vaccinato e supponiamo che la cosa sia equamente distribuita. In qualsiasi città, in qualsiasi quartiere, in qualsiasi scuola, il 97% dei bambini viene vaccinato.

Supponiamo che il vaccino sia completamente inutile. C'è un'epidemia. Migliaia di bambini sono malati Quanti di loro saranno vaccinati? Bene, 97%, naturalmente! Per ogni 3 pazienti non vaccinati, abbiamo trovato 97 pazienti vaccinati. Se invece del 97% troviamo il 91% dei pazienti vaccinati, significa che il vaccino è stato efficace. E non dobbiamo pensare che sia "una piccola riduzione del 6%", non è calcolato in questo modo. I 9 pazienti non vaccinati, mantenendo il rapporto 97: 3, corrisponderebbero a 291 pazienti vaccinati. Dal momento che al posto di 291 ci sono solo 91, 200 casi sono stati evitati, e la riduzione (l'efficacia del vaccino) è quasi del 69%. Una tale riduzione sarebbe già una ragione sufficiente per vaccinare i bambini, ma in realtà l'efficacia dei vaccini è molto più alta.

E se nell'epidemia il 52% dei pazienti fosse vaccinato? Per 48 casi senza vaccinazione ci aspetteremmo 1.552 pazienti vaccinati; Sono stati evitati 1.500 casi e l'efficacia del vaccino supera il 96%. Moltissimi, ma ci sarà ancora qualcuno che dice: "Il vaccino non fa nulla: in totale, la maggior parte dei pazienti è stata vaccinata!". L'ignoranza è audace.

"È brutto mettere insieme così tanti vaccini". FALSO!

Prima di utilizzare qualsiasi vaccino, numerosi studi sono stati condotti per decenni, in laboratorio, negli animali e in volontari adulti per verificarne l'efficacia e la sicurezza. E prima di mettere insieme un nuovo vaccino con altri già esistenti, per amministrare stesso tempo, si deve ri-fare ulteriori studi per dimostrare che insieme sono ugualmente efficaci e hanno il minor numero di effetti collaterali come separata.

Vaccini insieme per convenienza, per motivi economici ed ecologici (siringhe anche costano e inquinano), e, soprattutto, salvo alcune forature il bambino.

"Ci nascondiamo gli effetti collaterali." ¡¡FALSE !!

Gli effetti collaterali dei vaccini sono ben noti, e nessuno pretende di nascondere. Sarebbe completamente in contrasto con la prassi delle aziende farmaceutiche, che a volte sembra che invece di nascondere gli effetti collaterali, Li esagerano. Leggere il prospetto di una semplice analgesico, antibiotico o contraccettivo quasi paura.

allergie causano l'autismo, o improvvisa

Morte Cosa c'è di vero in questo?

Allergie

Non può, ovviamente, un po ' bambini allergici a determinati vaccini, lo stesso di quelli allergici al polline, alle fragole o al latte. È vero che le malattie allergiche sono in aumento negli ultimi anni. Ma la causa non è dei vaccini

Si ritiene che due dei principali fattori che causano l'aumento delle allergie sono l'inquinamento atmosferico e l'igiene eccessiva. Privato di microbi contro coloro che combattono, il sistema immunitario inizia a la lotta contro il polline, polvere ... numerosi studi non viene trovato rapporto tra vaccini e allergia , nel bene e nel male.

improvvisa

si verifica la morte della morte improvvisa del lattante, per definizione, durante il primo anno. La maggior parte dei casi si verifica durante i primi sei mesi. E a quel tempo, i bambini ricevono diversi vaccini (circa uno ogni otto settimane).

Se una settimana su otto è "la settimana dopo la vaccinazione", è logico che in otto casi di morte improvvisa si verifichi in quella settimana, per coincidenza. In realtà, gli studi scientifici dettagliati indicano che il rapporto è piuttosto il contrario. vaccinazione sembra diminuire il rischio di improvvisa la morte non è noto con quale meccanismo

L'autismo

Alcuni scienziati avevano suggerito una possibile relazione tra autismo e vaccino MMR o tra autismo e mercurio che viene usato come conservante in alcuni vaccini. Studi rapidi e completi sono stati condotti in diversi paesi e non è stata trovata alcuna relazione tra vaccini e autismo . Sfortunatamente, i gruppi che si sono schierati contro i vaccini si sono affrettati ad inviare i primi allarmi, ma non hanno riconosciuto il diniego pubblicato sul sito web della FDA (American Department of Health).

Articoli Interessanti