Tutto Ciò Che Serve Per La Gravidanza

Ecco come la crisi ha colpito i bambini nei paesi ricchi

Así ha afectado la crisis a los niños de los países ricos

Nei paesi ricchi del mondo, più di due milioni di bambini sono caduti in povertà a causa della recessione economica, secondo l'ultimo rapporto dell'UNICEF: "Figli di la recessione: l'impatto della crisi economica sul benessere dei paesi ricchi ". E il fatto è che il numero totale di bambini che vivono in povertà nel cosiddetto "mondo sviluppato" è già di 76,5 milioni.

Il rapporto ha analizzato la situazione di 41 paesi dell'Organizzazione per la cooperazione e Sviluppo economico (OCSE) e Unione europea (UE) in base a quanto la povertà infantile è aumentata o diminuita dal 2008. I risultati avvertono che la situazione delle famiglie nei paesi più colpiti dalla crisi si è deteriorata molto : ad esempio, dal 2008 la percentuale di famiglie con bambini che non possono permettersi di comprare carne o pesce ogni due giorni è raddoppiata in paesi come Estonia, Grecia e Italia.

Perdiamo un decennio di progressi nella protezione bambini

In Grecia, nel 2012, il reddito medio delle famiglie costituite da famiglie con figli è sceso ai livelli del 1998, l'equivalente di una perdita di 14 anni di guadagni. Secondo questo parametro, in Spagna abbiamo perso un decennio di anticipi .

Lo studio analizza anche la situazione del cosiddetto NINI, quella generazione di giovani che, a causa della crisi, non studiano né lavorano. Nell'Unione europea, i giovani tra i 15 ei 24 anni inclusi in quel gruppo sono già 7,5 milioni : quasi l'equivalente della popolazione della Svizzera.

Era inevitabile che aumentasse la povertà?

Non sembra. Secondo il rapporto, 18 dei 41 paesi analizzati sono riusciti a ridurre la povertà infantile nonostante la crisi. La classifica è guidata da Australia, Cile, Finlandia, Polonia e Repubblica Slovacca, che hanno ridotto il loro tasso di circa il 30%.

Un patto di stato per i bambini in Spagna

27,5% di bambini in il nostro paese vive a rischio di povertà, e il fallimento e i tassi di abbandono sono allarmanti. Inoltre, nascono sempre meno bambini e si stima che tra 10 anni ci possa essere un milione di bambini sotto i 10 anni di età inferiore a oggi.

L'UNICEF ha chiesto la costruzione di un patto di State for Children, che si occupa dei diritti dei minori e promuove politiche di conciliazione e sostegno ai genitori. Puoi trovare ulteriori informazioni e firmare la proposta qui.

Fonte: UNICEF