Tutto Ciò Che Serve Per La Gravidanza

Non ci sono i 'madri Unrepentant' e Orna Donath parlare di loro

madres arrepentidas

madri disperate, madri, madri deluso non realizzati, sfatti o semplicemente noiose. Un sociologo israeliano Orna Donath scopre, con tutta la durezza, che è possibile avere figli e pentirsi. In paesi come la Germania, il suo libro ha sollevato una fragorosa controversia. Il libro '# madresarrepentidas, uno sguardo radicale sulla maternità e le sue fallacie' ed. Reservoir libri è già in vendita in Spagna . Il libro si propone di dare visibilità alle donne che rompono con l'immagine idilliaca della maternità e fanno sentire la loro voce, non li a giudicare dal sociologo. Nelle sue pagine si alternano le testimonianze di 23 madri repenting tra 26 e 73 anni e di tutte le classi sociali che esaminano Donath sulla lastra sociale pesante.

Questo professionista è ricercatore presso l'Università Ben Gurion del Negev (Beersheba) e lavora come volontario in un centro in cui frequentanosessualmente attacchi nella città di Ra'anana. Questo lavoro continua la saga delle UNA vista differente della maternità con cui ha aperto con il suo precedente libro intitolato ' Fare una scelta' (2011) sulle donne del suo paese non voleva avere figli.

Messo in contesto. #MadresArrepentidas è il risultato di uno studio sociologico dal 2008 per le donne che vedono i loro figli come un peso che non dovrebbe mai assumere una penitenza che ha rovinato le loro vite per sempre la loro concatenamento gambi. Nei primi mesi del 2015, lo studio è stato pubblicato sulla rivista Segni: Journal of Women in Culture and Society ' presso l'Università di Chicago, ma la ricerca attraverso i confini internazionali. Non ha mai pensato alla commozione che alla fine avrebbe causato. Con l'hashtag #regrettingmotherhood , il dibattito ha raggiunto i social network in cui v'è stato un intenso scambio di opinioni per settimane.

si propone di dare voce alle donne che vogliono che i loro figli completamente, ma si pentono essere madri

donne Portavoce che non hanno voce nella società

nel libro si occupa con una realtà di una parte della società, un tabù di cui nessuno parla e quindi siamo felici di atterrare questo sguardo, questo nuovo focus, anche se per ingannarci siamo rimasti sbalorditi, senza parole. Sapevamo che non tutte le donne vogliono essere madri, ma ignaro (almeno chi scrive queste righe) che alcune donne dopo essere pentono !.

E questo è ciò che parla questo libro che viene stomping e tutti suggerisce che diventerà un nuovo manifesto femminista che rompe gli schemi con tabù e cercando di mostrare la realtà della società di oggi, non importa quanto si tenta di nascondere o idealizzare l'immagine di madri. in particolare, mira dare voce alle donne che vogliono i loro figli pienamente ma che si pentono di essere madri, un sentimento umano come l'odio o il fallimento. Sono consapevole del fatto che non hanno sviluppato questo istinto materno protettivo che sono considerati avere progenitore, che non amano la vita che conducono dal momento che il bambino è nato ...

Prendiamo un esempio. Carmelo, uno dei protagonisti del libro, è la madre di un bambino tra i 15 ei 20 anni ". Fino ad oggi ho fantasticare con l'idea di ammalarsi e morire Se succede qualcosa, io muoio, ma in qualche modo mi sento sollevato. è orribile, so che questo è un'atrocità, ma è la verità. "

Ogni tabù è bene che viene alla luce, coloro che si sentono devono sentirsi rappresentata anche se siamo 'impatto' non siamo nessuno a criticare o giudicare una donna perché è chiaro che non vuole avere un figlio, né che riconosce che essere una madre la supera.


Articoli Interessanti