Tutto Ciò Che Serve Per La Gravidanza

La custodia congiunta avviene in uno dei quattro divorzi

custodia compartida

L'affidamento congiunto consiste in una residenza alternativa con entrambi i genitori in caso di separazione o divorzio, e non sempre del 50%.

Secondo i dati dell'Istituto nazionale di statistica, nel 2005, anno in che includeva questa opzione nel codice civile, c'era a malapena un 2% dei genitori con custodia condivisa.

Dieci anni dopo, nel 2015, la cifra era di 25. Cioè, l'affidamento congiunto è stato concesso in uno di quattro rotture.

Fino ad ora, tranne che nelle cinque comunità autonome che hanno legiferato sulla questione, sono i giudici a decidere il destino del minore, poiché non esiste ancora una legge nazionale.

Attualmente È stata approvata una legge autonoma che promuove l'affidamento congiunto dà, tranne la privazione giudiziaria, nelle comunità di Catalogna, Aragona, Navarra, Valencia e Paesi Baschi. Nei cinque, la mediazione familiare è contemplata e la custodia è esclusa nei casi di violenza di genere.

Catalogna , che ha approvato una legge nel 2010, è la comunità con il più alto indice di custodia condivisa (concesso in 40). % dei casi), seguito da Baleares (che stranamente non ha una legge sulla custodia ma separazione di proprietà nel matrimonio di default), con il 38%, Valencia , con 36%, Aragona , con il 34%, Navarra , con il 27% e Paesi Baschi , con il 26%.

Frasi a favore della custodia congiunta

Tuttavia, ci sono alcune frasi che favoriscono l'affidamento congiunto.

Ad esempio, il 9 settembre 2015, la Corte Suprema ha stabilito che anche in se ci sono disaccordi tra i coniugi, questo non è un motivo sufficiente per negare l'affidamento congiunto dei minori, perché l'oggetto della legge è il minore, non i genitori.

Un'altra sentenza della Corte Suprema del 2 luglio 2014 stabilisce il seguente base per le decisioni dei tribunali

  1. Assicurarsi che vivono con ciascun genitore è almeno distorsivo possibile per quanto riguarda la scolarizzazione per i bambini
  2. il genitore che non hanno con lui. i bambini devono avere un ampio diritto di visita durante il periodo di convivenza con l'altro genitore.
  3. Stabilire il contributo di ciascun genitore al cibo dei bambini, tenendo conto dell'attribuzione dell'uso del domicilio conyuga l e la dedizione personale di ciascun genitore alla cura e alla cura dei propri figli.