Tutto Ciò Che Serve Per La Gravidanza

Abbigliamento etico ed ecologico per la primavera

Ropa ética y ecológica para la primavera

Le condizioni di insicurezza e precarietà in cui operano le migliaia di lavoratori dell'industria tessile nel mondo sono sconosciute a nessuno. Un settore che ha raggiunto, negli ultimi anni, prezzi più bassi e massimizza i profitti a scapito dei modelli di gestione che, in molti casi, non rispettano i diritti fondamentali delle persone . Un anno fa, il crollo della fabbrica " Rana Plaza " (Bangladesh), riportò ai titoli una realtà che di solito viene messa a tacere e ignorata.

Salari di miseria, lunghe ore di lavoro , insicurezza, sfruttamento minorile ... Molte organizzazioni sociali denunciano da anni gli abusi subiti dai lavoratori tessili come una forma di schiavitù moderna , e richiedono maggiore trasparenza nelle politiche del lavoro grandi multinazionali. Sempre più, d'altra parte, i consumatori hanno interessato per conoscere le origini dei vestiti che acquistano, perché non vogliono essere complici o promuovere con il loro consumo la dura realtà che si nasconde dietro il mondo del glamour di i grandi marchi. In questo contesto, è emerso un nuovo concetto, quello della moda etica, inteso non come una tendenza più alla moda o una strategia di marketing per raggiungere più consumatori, ma come una vera alternativa che propone un business basato sul rispetto . per le persone e l'ambiente .

La ONG Setem, associata alla Clean Clothes Campaign, ha pubblicato la sua "Guida per vestirsi senza lavoro da schiavi" , un documento molto completo in cui gli impegni acquisiti dalle grandi aziende in termini di diritti del lavoro vengono analizzati e, soprattutto, vengono offerte alternative per una diversa forma di consumo.

Naturalmente, anche l'abbigliamento per bambini ha un posto nella moda ecologica ed etica, e ci sono sempre più opzioni per vestire i nostri bambini con bei vestiti, qualità e fabbricati secondo criteri socialmente e ambientalmente responsabili.

Fonte: 'Guida per vestirsi senza lavoro da schiavi' (SETEM)