Tutto Ciò Che Serve Per La Gravidanza

Punizione efficace: come punire i bambini e allo stesso tempo educarli bene?

¿Cómo castigar a los niños y a la vez educarles bien?

Ci sono molte teorie sul fatto che la punizione sia efficace o meno, e anche se il problema è scientificamente risolto, dal momento che ci sono molte università che hanno fatto e fanno studi su questo dilemma, i genitori non lo fanno sanno, non devono conoscere tutti questi studi.

L'educazione dei bambini ha due parti principali:

  1. Il primo è far sì che i nostri figli si adattino alla società e alla cultura in cui
  2. Il secondo è quello di dare il mezzo in modo che possa raggiungere questo nel modo migliore , che possano vivere nella società e che possano anche vivere bene, vale a dire , dai loro buoni studi, in modo che possano ottenere un buon lavoro, avviare un'impresa, ecc. In breve, possono avere una buona posizione economica, per aiutarli nel resto delle vicissitudini della vita.

I genitori sono i primi responsabili della prima parte e sempre più, dallo stato, attraverso il I centri educativi, attualmente dedicati quasi esclusivamente alla seconda parte, danno le lezioni accademiche.

Quando i bambini hanno comportamenti che non rientrano negli standard stabiliti, i genitori ricorrono spesso alla punizione, poiché è una soluzione socialmente accettabile e è comunemente usato in molte situazioni, ad esempio: biglietti del traffico

Se tutti i genitori fossero esperti in psicologia dell'apprendimento, saprebbero che il modo migliore per cambiare comportamento è una combinazione di rinforzo positivo e rinforzo assertivo ( punizioni), e che se i primi sono fatti bene, questi ultimi non sono necessari . Ma tutti usano quello che sanno, che di solito è il modello che i loro genitori hanno usato con loro e un libro che hanno letto sull'educazione.

Per educare, l'ideale è un rinforzo positivo. Con loro, non dovremmo aver bisogno delle punizioni

Linee guida per le punizioni

Bisogna dire che qualunque sia il metodo che usano, hanno quasi sempre un certo grado di efficacia e il fondamentale è applicarle bene , perché quando falliscono è sempre colpa dei genitori, e così che le regole fondamentali non falliscono sono:

  1. I due genitori devono concordare sul premio o punizione che si applica: se uno lo mette, l'altro non deve rimuoverlo. A volte capita che un padre infligga una punizione e non appena se ne va, l'altro padre lo toglie rapidamente dal bambino a cui è stato affidato. Esempio: ora che tuo padre non c'è più, puoi giocare con la Play Station. (Questo primo punto implica che i genitori devono essere d'accordo su molte più cose.)
  2. La punizione deve essere proporzionata e che può essere soddisfatta : non lasciarti trasportare dall'umore del padre in quel momento. Esempio di punizione non fornita sarebbe: ci hai fatto molto preoccupare quando arrivi in ​​ritardo, non esci più per tutto l'anno. È chiaro che tra due o tre giorni il figlio tornerà a partire, non appena i genitori saranno sconvolti.
  3. I bambini dovrebbero sapere in anticipo la punizione che verranno messi : Questo non succede quasi mai. Se un ragazzo sa che, essendo in ritardo, rimane due giorni senza andarsene, lo accetta e nessuno deve essere sconvolto.
  4. Una volta che la punizione è impostata, non è negoziabile e non dovrebbe essere ridotto o cambiato : questo deve essere fatto nella fase precedente, quando vengono spiegate le punizioni che possono essere messe.

Credo che con queste quattro regole fondamentali la maggior parte dei genitori possa andare avanti, e specialmente per casi complicati è meglio mettersi nelle mani di un professionista.

Fonte: di D. Juan Aguirre Collado, membro di Saluspot e psicologo della Consultazione di Psicologia di Juan Aguirre.